LOADING

Modelli di eCommerce: quale scegliere?

Modelli di eCommerce: quale scegliere?

by Stefania Aprile 14, 2020

Apro un eCommerce e combatto il Covid-19

Il Covid-19 ha contagiato tanti imprenditori che hanno inserito fra i loro servizi la “consegna a domicilio” al fine di continuare ad offrire un servizio alla propria clientela e mantenere un incasso adeguato nonostante il lockdown.

Coloro che con lungimiranza avevano costruito un eCommerce avevano già una struttura logistica organizzata per rispondere alle richieste dei clienti, hanno potuto aumentare il proprio fatturato. Gli altri si sono arrangiati con la pagine facebook, gli ordini via WhatsApp, mail e chi più ne ha più ne metta. Ogni strada era buona per recuperare clienti e/o non rimanere lontani dalla mente delle persone (e quindi continuare a vendere i propri prodotti e/o servizi).

Aprire un eCommerce non è una passeggiata.

Un eCommerce richiede un’analisi del proprio mercato, un’idea chiara del modello di business che si vuole sviluppare e anche un investimento importante per far sì che tutto il lavoro svolto non venga fagocitato dai competitor presenti nella rete.

L’eCommerce è a tutti gli effetti un nuovo negozio online, in rete, che richiede un business plan, investimenti ed energie. Può essere un secondo punto vendita, oppure diventare il primo. La scelta è solo tua.

Quanti tipi di eCommerce ci sono?

I modelli di eCommerce sostanzialmente sono 4:

  • Dropshipping
  • Retail
  • Private Label
  • Print on Demand

Il modello di eCommerce basato sul Dropshipping si compone della figura dell’Imprenditore che crea uno eStore online dopo essersi messo d’accordo con il suo Fornitore in quanto sarà quest’ultimo ad inviare il prodotto al Cliente dell’Imprenditore.

L’ordine arriverà sull’eCommerce dell’Imprenditore ma la gestione dell’ordine sarà tutta del Fornitore.

I vantaggi del Dropshipping?

Dal punto di vista economico: pagherai il prodotto al tuo Fornitore solo dopo aver fatto la vendita ed incassato. Eviti i costi di affitto/acquisto di un magazzino e la sua gestione a fine anno.

Dal punto di vista del Personal Branding: puoi creare un tuo Brand con il quale potenziare le attività di web marketing su facebook, instagram e linkedin o youtube (a seconda della tipologia di prodotto che vendi). 

Dal punto di vista logistico: non hai bisogno di un magazzino ne di fare scorte. Sarà il tuo fornitore a spedire per te.

Gli svantaggi del Dropshipping?

Dal punto di vista imprenditoriale: non hai il controllo della merce. Il fornitore potrebbe spedire merce difettosa con conseguenza negative per il tuo brand. Inoltre, attraverso questo metodo non hai modo di comunicare con il cliente attraverso il pacco.

Tutto questo si riassume nella difficoltà di trovare l’azienda giusta che ti offra le giuste garanzie per intraprendere un’attività di questo tipo, anche in virtù del fatto che i clienti si aspettano la consegna del pacco nel giro di 24/48 ore.

Il modello di eCommerce basato sul Retail si compone della figura dell’Imprenditore che deve trovare prodotti di marca da un Fornitore (che sia grossista o produttore) dal quale si approvvigiona della merce necessaria stoccandola in un magazzino.

L’Imprenditore offre i prodotti di Marca attraverso un eCommerce da dove il Cliente può scegliere ed acquistare, occupandosi poi della spedizione del pacco per la consegna al cliente.

I vantaggi del Retail?

I prodotti scelti dall’Imprenditore sono conosciuti dai clienti pertanto la vendita è più facile. 

La tipologia di prodotti, inoltre, favorisce il reperimento delle scorte perchè il prodotto è di largo consumo e riduce i resi.

Gli svantaggi del Retail?

I prodotti possono essere venduti da tutti, proprio in considerazione del fatto che sono prodotti di marca e molto conosciuti. Il tuo personal branding non esiste perché i clienti cercano la marca e non il nome della tua azienda e diventa difficile fidelizzarli. L’unica leva che conta è il prezzo (sul quale non hai molta marginalità).

Il modello di eCommerce basato sul Private Label si compone della figura dell’imprenditore che ricerca un Produttore per il prodotto che vuole vendere ottenendo la personalizzazione del prodotto con il suo brand (dell’Imprenditore). In questo modo l’Imprenditore è libero da ogni vincolo. Crea il suo eCommerce, stocca la merce nel magazzino e quando il cliente acquista dal sito eCommerce l’imprenditore si occupa di tutta la spedizione al cliente. Dalla realizzazione del pacco personalizzato alla consegna al corriere per la consegna al cliente.

I vantaggi del Private Label?

Questo modello di eCommerce ti offre la libertà che desideri: sei tu a decidere il prezzo dei prodotti, sei tu che dici quale strategia di web marketing intraprendere per promuovere il tuo eCommerce, i tuoi prodotti, il tuo brand. Puoi vendere il tuo servizio, il vero valore aggiunto di questo modello di eCommerce, fidelizzando i tuoi clienti.

Inoltre hai il controllo di tutto il processo, con la possibilità – anche – di personalizzare qualsiasi cosa, rendendoti unico.

Gli svantaggi del Private Label?

La libertà costa cara. 😛 Scherzi a parte, disporre di un prodotto marchiato con il nome del tuo Brand significa investire in una strategia di web marketing di valore affinché il tuo Brand sia posizionato nella mente delle persone. Dunque la voce di costo Promozione e Pubblicità sarà importante. Ma come tutti gli investimenti di valore, offriranno un guadagno per la tua Azienda.

Per realizzare un modello di eCommerce basato sul Private Label devi disporre di un capitale iniziale molto più alto. 

Anche il Produttore potrebbe chiederti un minimo di acquisto per produrre in serie il prodotto con il tuo Brand stampato sopra.

Social Shares

Iscriviti alla newsletter!

Related Articles

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.